figli, margaret mazzantini

maggio 4, 2009 at 21:25 (poesia)

Annunci

1 commento

  1. Turi Silvana said,

    Figli di noi, figli del vento che ci secca le ossa, figli appollaiati sulle nubi che guardano il cielo. Figli nostri, figli di tutti che ci spiano quando non vogliamo.
    Figli covati nei bacini liquidi e poi scaraventati lontano : soli Mai soli.
    Ad attenderli il gioco del fazzoletto, una bandierina innocente di cotone, rossa.
    Fremiti: due mani si contedono il piccolo pezzo di stoffa, solo uno di loro vincerà sul traguardo.
    Figli divisi, figli che dividono il cielo, figli provati da mani dure.

    Figli di Margaret Mazzantini è molto bello. Il suo narrare è sempre molto evocativo. Ognuno ritrova se stesso o la persona che non è più.
    Le madri parlano da sempre un linguaggio muto.
    La Mazzantini si concede la possibilità di parlare di loro, di scrivere di loro, dei figli.
    Tutti quanti i nostri figli.
    Grazie.

    Silvana Turi

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: