rosarno e la cei

gennaio 9, 2010 at 00:05 (Uncategorized)

da repubblica

IMMIGRATI: MIGRANTES (CEI), A ROSARNO MANCA TUTELA LAVORO
Le violenze a Rosarno rappresentano “il secondo segnale preoccupante di un territorio che reagisce al mondo dello sfruttamento, dopo quello sul Litorale Domizio in Campania”. Lo sottolinea il direttore della Fondazione Migrantes, don Giancarlo Perego, per il quale “ancora una volta è emersa una forte carenza della presenza della realtà sociale a tutela dei diritti dei lavoratori”. In quel territorio vige, denuncia, “uno sfruttamento inaccettabile, con paghe irrisorie, una parte delle quali viene estorta da intermediari”. “La tutela dei lavoratori – afferma – è esigenza fondamentale alla quale l’intera società e in particolare le istituzioni debbono guardare con più attenzione”

(08 gennaio 2010)

Annunci

3 commenti

  1. onion56 said,

    Recentemente è apparso su La Repubblica il ricordo di un Progrom contro gli Italiani ai primi del 900 nella Francia del Sud. ci furono 8 morti 15 dispersi e decine di feriti. La popolazione aggredì gli italiani che lavoravano con contratti stagionali e sottopagati, perchè levavano lavoro ai locali. I Francesi, come gli Italiani (ignoravo il fatto) hanno rimosso e si deve ad uno storico Francese di origine Italiana (Gallo?) il recupero di questa brutta pagina di intolleranza (bisogna dire rara) nel paese della Fraternitè. Per fortuna , per loro, la Francia ha una Bussola per la propria condotta, La Rivoluzione Francese: noi cosa abbiamo , visto che viene messa in discussione continuamente la nostra Costituzione nei principi fondamentali?

    Mi piace

  2. merlo canterino said,

    fatti raccontare da robi “Welcome”, il film che abbiamo visto insieme e poi parliamo dei francesi.

    Mi piace

    • merlocanterino said,

      riporto alcune righe di questo articolo de “lavoce.info”. in cui si parla, in maniera diversa, di francesi.

      MA L’ITALIA È GIÀ MULTIETNICA
      di Maurizio Ambrosini 12.01.2010

      Gli immigrati irregolari non si insediano in Italia per colpa dei preti troppo accoglienti o degli intellettuali liberal, ma perché sono richiesti da molti datori di lavoro italiani, famiglie comprese, e non solo a Rosarno calabro. Infatti anche l’attuale governo, dopo tanti proclami di lotta senza quartiere all’immigrazione “clandestina”, è stato costretto a varare una sanatoria, la sesta in poco più di vent’anni, senza contare le sanatorie mascherate da decreti flussi. La fermezza di facciata è contraddetta dall’inefficacia dei controlli sui luoghi di lavoro. In Francia sono stati arrestati in un anno 900 datori di lavoro di immigrati non autorizzati, in Italia questo non avviene.

      tutto l’articolo qui
      http://www.lavoce.info/articoli/-immigrazione/pagina1001492.html

      Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: