up in the air

gennaio 30, 2010 at 23:03 (film)

jason reitman, 2009

I’m like my mother, I stereotype. It’s faster.

il trailer

george clooney, anche se l’espressione è sempre uguale – forse si può dire un’espressione con il camice e una senza camice – licenzia per mestiere, e come tagliatore di teste ha una professionalità, non dice “lei è licenziato”, ma usa una serie di giri di parole introducendole con “siamo qui per parlarle del suo futuro”. Nonostante clooney e nonostante personaggi mal disegnati (stereotipati e non credibili), il terma è affrontato bene – con la giusta realistica cattiveria – e i dialoghi sono molto intelligenti.

jason reitman ha diretto anche thank you for smoking (2005) e juno (2007)

belle anche le città viste da google earth e belli gli aeroporti…

interessane la metafora dello zainetto

Annunci

2 commenti

  1. merlo canterino said,

    in un articolo di repubblica leggo che il regista ha fatto fare la parte dei licenziati a dei licenziati veri di saint louis e di detroit.

    Mi piace

  2. the backpack « un merlo canterino said,

    […] metafora dello zainetto dal tagliatore di teste di up in the air LikeSe ti piace questo post, clicca per […]

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: