il curioso caso di sidd finch

aprile 22, 2012 at 21:27 (libri)

1987,  george plimpton

sii sincero nella fine, anche se non c’è niente da finire; e pratica la fine anche se non c’è niente da praticare

sidd finch è un giovane inglese, aspirante monaco  buddista,  adottato da un antropologo scomparso sull’himalaya, suona il corno francese, imita i suoni della natura e può lanciare una palla da baseball a duecentosessantuno chilometri l’ora.

Si trova coinvolto in una vicenda  lontana dal suo mondo, un mondo  fatto di meditazione, esercizi e citazioni come quella riportata all’inizio: i new york mets lo scoprono e lo vogliono per la loro squadra;  è il 1985 e il lancio più veloce, mai registrato nel baseball professionistico, ci sarà soltanto nel 2010 e sarà di 105 miglia orarie, per mano di aroldis chapman, cincinnati reds; sidd – la doppia “d” in onore di siddharta – ha trascorso otto anni in tibet e l’offerta dei mets, con tutto quello che implica, lo getta nell’incertezza,  anche se gli permetterebbe di esercitare la potenza del suo lancio nel baseball.

 Sul suo percorso sidd incontra uno scrittore reduce dal vietnam, in crisi di creatività e una giovane surfista e  il loro curioso triangolo darà il via al romanzo, farà crescere e maturare le loro scelte.  

george plimpton, giornalista e scrittore morto nel 2003, co-fondatore della rivista letteraria newyorchese paris review, amico di ernest hemingway e bob kennedy, mescola realtà e finzione, introduce elementi tratti dalla cronaca e dalla storia del baseball, si fa spiegare il comportamento di un malavitoso da gay talese, dando uno spessore di “verità” all’incredibile storia di sidd.

Il risultato è un romanzo ricco di spunti che trasporta il lettore dalla ricca Inghilterra, con le sue scuole e le sue tradizioni, alle vette solitarie del Tibet, nei templi dove i monaci si ritirano a meditare e poi ancora sui campi da baseball e, attraverso i ricordi di sidd, anche nella musica.

 
dennis brain, concerto per corno e orchestra in mi bemolle maggiore mozart

1 commento

  1. un gioco da grandi « un merlo canterino said,

    […] il curioso caso di sidd finch […]

    Mi piace

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: