rivisto habemus papam

maggio 6, 2012 at 01:00 (film)

la seconda volta è più divertente – si gustano di più le battute – e più coinvolgente – il volto e l’espressione smarrita di michel piccoli sono toccanti – della prima. E  la scena finale dentro il teatro ricorda l’ultimo metro di francois truffaut.

E davvero è singolare che benedetta tobagi, nell’articolo di repubblica del 19 febbraio 2012, perfetti immaturi i caratteri raccontati dal cinema di oggi,  scriva: ” In questa prospettiva, inquieta anche il tripudio con cui è  stato accolto il cardinale che rifiuta il trono papale di Nanni Moretti.” Perché non leggerlo, invece, come un uomo che ha il coraggio e la forza di manifestare la propria  debolezza/rifiuto per un potere che non vuole avere?  

 

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: