the hobbit

dicembre 29, 2012 at 22:16 (film)

dal romanzo di j.r.r. tolkien, del 1937, The Hobbit. There and Back Again

Il signore degli anelli, 1954-1955,  è il seguito.

hobbit1

Quasi tre ore per vedere scene, fughe, combattimenti e mostri già visti mille volte…ma non mancano i momenti divertenti con il gollum,  sempre irresistibile, con i suoi indovinelli e il suo preciouss!

E spunti originali, come la mappa scritta a rune lunari:

rune inventante dai nani, e scritte con penne argentate. Si potevano leggere soltanto se la luna brillava dietro di esse e se era nella stessa fase di quando erano state scritte.

da imdb.com

Bilbo Baggins: I have… I have never used a sword in my life.
Gandalf: And I hope you never have to. But if you do, remember this: true courage is about knowing not when to take a life, but when to spare one.

Gandalf: The world is not in your book and maps. It’s out there! 

Thorin Oakenshield: Forgive me for doubting you.
Thorin Oakenshield: No, it’s fine. I would have doubted me too.

 

Permalink Lascia un commento

otto preminger

dicembre 26, 2012 at 21:51 (film)

il codice hays fu violato più volte da otto premingerimmlaura

laura, 1943

the moon is blue, 1953

prima volta in cui si usano parole come vergine e amante: censurate dal codice hays

carmen

carmen jones, 1954

golden

the man with the golden arm, 1955

prima volta in cui si parla di tossicodipendenza: censurata dal codice hays

omicidio

anatomia di un omicidio, 1959

advise and consent, 1962

prima volta in cui si parla di omosessualità: censurata dal codice hays

Permalink Lascia un commento

playlist bob dylan

dicembre 25, 2012 at 18:35 (Uncategorized)

 

 

 

Permalink Lascia un commento

the company you keep

dicembre 23, 2012 at 01:34 (film)

In questa canzone di bob dylan  c’è un verso che recita: ” You don’t need a weatherman to know which way the wind blows”  e questo verso ha dato il nome a un gruppo politico americano che negli anni sessanta si batteva contro la guerra in vietnam, i weather underground.

Nel  film di robert redford  un gruppo di uomini e donne  si ri-trovano davanti il loro passato, trenta anni dopo le lotte contro la guerra nel vietnam; nelle loro nuove vite di  avvocati, imprenditori, professori  rientrano, all’improvviso, i giovani che manifestavano contro la guerra.

Un film molto bello, raccontato con semplicità, e davvero efficace nel restituire – con rispetto –  il dolore, le riflessioni, i sentimenti di chi ha fatto scelte difficili e – in alcuni casi, seriamente “discutibili”.

Un film leggero e profondo allo stesso tempo  sul modo di intendere la coerenza delle scelte.

220px-Companyyoukeep

Permalink Lascia un commento

advise and consent

dicembre 19, 2012 at 23:56 (film)

The authority given by the U.S. Constitution to the Senate to ratify treaties and confirm presidential cabinet, ambassadorial, and judicial appointments.

Article II, Section 2, of the Constitution gives the president the right to negotiate foreign treaties and to nominate individuals to high-ranking government positions, including cabinet members, ambassadors, and federal judges.

However, these powers are conditioned upon the advice and consent of the Senate. The advice and consent requirement is an example of one of the checks and balances built into the Constitution. The provision seeks to limit presidential power.

MV5BMTI0MDQzMzgyN15BMl5BanBnXkFtZTcwNTk5NDgyMQ@@__V1__SY317_CR24,0,214,317_

Questa clausola della costituzione degli stati uniti dà il titolo a un romanzo del 1959 con cui allen drury vinse il premio pulitzer  (1960).  Due anni dopo,  otto preminger ne trae  un film con lo stesso titolo (che in italia diventa, inspiegabilmente, tempesta su washington).

Il film di preminger, come il romanzo advise and consent,  guarda agli uomini politici americani di quegli anni per raccontare il potere  e i mezzi per ottenerlo e conservarlo.

Il presidente degli stati uniti sceglie un segretario di stato,   provocando una spietata lotta politica tra i senatori – favorevoli e contrari alla scelta  – e lo scontro è  così feroce da sfociare in una tragedia personale per uno dei protagonisti della vicenda:  un’esperienza omosessuale, fino a quel momento tenuta segreta,  diventa un’arma di ricatto,  alimentata dall’intolleranza dominante.  La minaccia di rendere pubblico questo aspetto della vita privata impedirà al senatore ricattato di portare avanti la propria battaglia politica.

Per la prima volta  un film americano tratta il tema dell’omosessualità, in un ambito politico e al centro di uno scontro di potere,  sfidando il codice hays,  il “production code” che specificava cosa fosse o non fosse considerato “moralmente accettabile” nella produzione di film .

Il film è drammaticamente   anticipatorio: il cinema americano – nel 1962 –  strappa  la maschera al potere e con semplicità e immediatezza, senza retorica, porta sullo schermo i ricatti, le  calunnie e le insinuazioni; rivela la disinvoltura con cui non si esita a distruggere, con  attacchi personali,  la vita privata di un uomo pur di  ottenere vantaggi personali o di partito.

Un conto è saperlo che il potere è fatto anche di ricatti,  calunnie e insinuazioni contro le persone. Altra cosa è vederlo sullo schermo, rappresentato dai volti popolari di henry fonda,  charles laughton, walter pidgeon, peter lawford.

Permalink Lascia un commento

natale, de gregori

dicembre 19, 2012 at 00:03 (songs)

Permalink Lascia un commento

guns N’ roses, since I don’t have you .

dicembre 16, 2012 at 16:41 (songs)

Permalink Lascia un commento

queen, thank god, it’s christmas

dicembre 16, 2012 at 16:38 (songs)

Permalink Lascia un commento

sinno’ me moro

dicembre 15, 2012 at 21:58 (songs)

Permalink Lascia un commento

kooks, david bowie for his son

dicembre 12, 2012 at 23:16 (songs)

Will you stay in our Lovers’ Story
If you stay you won’t be sorry
‘Cause we believe in you
Soon you’ll grow so take a chance
With a couple of Kooks
Hung up on romancing

Will you stay in our Lovers’ Story
If you stay you won’t be sorry
‘Cause we believe in you
Soon you’ll grow so take a chance
With a couple of Kooks
Hung up on romancing

We bought a lot of things to keep you warm and dry
And a funny old crib on which the paint won’t dry
I bought you a pair of shoes
A trumpet you can blow
And a book of rules
On what to say to people when they pick on you
‘Cause if you stay with us you’re gonna be pretty Kookie too

Will you stay in my Lovers’ Story
If you stay you won’t be sorry
‘Cause we believe in you
Soon you’ll grow so take a chance
With a couple of Kooks
Hung up on romancing

And if you ever have to go to school
Remember how they messed up this old fool
Don’t pick fights with the bullies or the cads
‘Cause I’m not much cop at punching
Other people’s Dads
And if the homework brings you down

Then we’ll throw it on the fire
And take the car downtown

Will you stay in our Lovers’ Story
If you stay you won’t be sorry
‘Cause we believe in you
Soon you’ll grow so take a chance
With a couple of Kooks
Hung up on romancing

Will you stay in our Lovers’ Story
If you stay you won’t be sorry
‘Cause we believe in you
Soon you’ll grow so take a chance
With a couple of Kooks
Hung up on romancing
Will you stay

Permalink Lascia un commento

Next page »

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: